Simposio

Presso i Greci e i Romani, il simposio era quella pratica conviviale, che faceva seguito al banchetto, durante la quale i commensali bevevano secondo le prescrizioni del simposiarca, intonavano canti conviviali, si dedicavano ad intrattenimenti di vario genere (recita di carmi, danze, conversazioni, giochi, ecc.). Il simposio, nello spirito greco, condensa ed esemplifica quei valori che rendono nobile l’uomo. Si tratta una vera e propria forma di conoscenza, magari parziale, cui si accede proprio attraverso il simposio e l’abbandono alle sue pratiche: la conversazione, il vino, l’eros, il canto, la musica, la poesia, la danza. La musica aveva un ruolo importante nella convivialità simposiaca. Oltre all’aulòs si suonava la lira o, spesso, la cetra.

Chi non sapeva suonare sottolineava comunque il ritmo del suo canto segnando il tempo con ramoscelli, di alloro o di mirto, gli àisakos.

TEMI DELLE SERATE

1- Presentazione-esercizio sull’esistere: percezione di sé.

2- I sogni: manifestazione dell’Anima

3- Interpretazione dei sogni

4- Esperienze personali, una lettura simbolica

5- La lettura del volto, il linguaggio delle espressioni

6- Il galateo e l’Anima

7- Banchetto: il simposio

8- Conclusione, chiusura lavori

Durata dell'incontro: Dalle ore 21.00 alle 22.15

Dove

"Il Salotto" - via Cadorna, 47 - Meda (MB)

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin

RICHIEDI INFORMAZIONI

Compila il form sottostante per prenotarti o richiede informazioni

Ho letto la Privacy Policy e acconsento al trattamento dei dati personali.

captcha