Libertà - Dottoressa Cinzia Gorla

Libertà

“Nessuno vi può dare la libertà.

Nessuno vi può dare l’uguaglianza o la giustizia.

Se siete uomini, prendetevela.”

(Malcom X)

Con il termine libertà s’intende la condizione per cui un individuo può decidere di pensare, esprimersi ed agire senza costrizioni, usando la volontà di ideare e di mettere in atto un’azione, ricorrendo ad una libera scelta dei fini e degli strumenti che ritiene utili a metterla in atto (Wikipedia).

Noi siamo individui unici e perfetti.

Siamo un’unità imprescindibile di mente, corpo e inconscio che comunicano tra loro e che ci presentano quale strada intraprendere; queste tre istanze ci indicano la giusta direzione da seguire nella vita quotidiana.

Se lasciata in pace, la mente, in modo libero, attraverso le immagini, ci indicherà la via;

il corpo, invece, attraverso le sue sembianze, i suoi sintomi e i suoi segnali, ci serve come campanello d’allarme per sentire e percepire il Nostro essere NEL mondo e ci conduce verso la volontà dell’inconscio.

Per vivere bene e fare in modo che tutto funzioni nel modo corretto, ovvero facendoci sperimentare una profonda gioia e felicità rispetto alla vita, dobbiamo essere curiosi delle sorprese della vita stessa, sapere che gioia e dolore, bene e male sono solo trappole lessicali in cui la mente può imprigionarci;

invece Tu devi sapere che gli opposti fanno parte della vita stessa, gli opposti convivono nel Nostro Corpo e nel Nostro Cuore.

La giovane scrittrice Barbare Corbetta, attraverso parole semplici, ci rappresenta molto bene il senso dello stare bene e ce lo spiega attraverso un testo scritto in occasione di una serata del “Progetto Libellula”, un’iniziativa che coinvolge diverse persone e che si pone l’obbiettivo di rendere felici se stessi e gli altri attraverso tre principi fondamentali: il rispetto dell’unicità dell’altro, l’amore per sé e per gli altri e la comprensione della diversità di ciascuno.

“Un anno fa il destino mi ha portata qua (Dr.ssa Gorla); ero spaventata, angosciata, impanicata!

Secondo il punto di vista che avevo a quel tempo, la mia vita era perfetta: casa, lavoro, famiglia, fidanzato…

eppure…

un grosso tir (i miei disagi, i miei sintomi) si mise di traverso, proprio davanti a me, sulla mia strada, impedendomi di proseguire.

Iniziai un percorso di conoscenza profonda della mia ‘Essenza’, del mio essere naturale.

Durante il mio percorso compresi che la vita ci dispone di molte possibilità, è piena di segnali che ci indicano dove andare, basta guardarli!

A quel tempo non osservavo i segnali ed ecco il tir che avevo davanti e sul quale era scritto:” adesso stai qua! Ora parliamo! Adesso apri gli occhi…!”

Questa comunicazione accade la maggior parte delle volte con modalità alquanto violente: panico, malesseri, confusione!

Ma del resto, non si fa così per svegliare le persone da un profondo sonno?

Io non guardavo oltre i miei occhi, ero così concentrata a guardare avanti con tanta rigidità che non riuscivo a vedere la bellezza che avevo intorno!

E così ho notato che ero occupata ad inseguire qualcosa che….non sapevo nemmeno io cosa fosse.

Ed è così, nel NON stare con Noi stessi che la nostra luce, la luce che ciascuno possiede naturalmente, inizia ad affievolirsi e….iniziamo a spegnerci.

Ed ecco che durante il mio percorso, come la mia coscienza si sviluppa, si sviluppa anche quello che la Dr.ssa Gorla chiama ‘Progetto Libellula’, un Progetto che ormai vede coinvolte parecchie persone e dove vige il rispetto, la libertà, l’espressione di sé, l’importanza di essere insieme e contagiarsi di felicità.

La libellula! L’ animale che per eccellenza contiene in se’ tutti i colori della luce e la riflettono generando colori meravigliosi.

E quali sono i “primi passi” che ci fanno muovere nel mondo e nel Progetto?

Cambiare direzione se non lo abbiamo ancora fatto.

Iniziare a riflettere luce se non lo abbiamo ancora fatto.

Iniziare ad essere liberi, iniziare ad avere il coraggio della libertà.

Iniziare a fare quello che deve essere fatto, senza costrizioni e senza giudizi.

E sto imparando a vivere un po’ come fanno i bambini: quando vengono obbligati a fare qualcosa hanno il broncio, quando invece vengono lasciati liberi di fare ciò che vogliono ridono, i loro occhi sprigionano gioia!

Funziona così, proprio come per i bambini, i nostri occhi iniziano a brillare solo se siamo liberi, se non ci sentiamo costretti, se siamo felici di una felicità che arriva dal profondo.

Noi, compreso Tu che leggi, sei forte, sei unico, sei speciale e puoi avanzare imperturbabile.

Puoi illuminare tutto ciò che incontri, ognuno di noi è’ prezioso.

Diciamo che libertà, gioia, sorrisi, divertimento….sono tutte emozioni bellissime e di colori brillanti! Sono loro che fanno brillare i nostri occhi e le nostre anime!!

Siamo tutti grandi e vaccinati, ma i bambini hanno molto più da insegnare ai grandi di quello che pensiamo!

I bambini fanno tutto liberamente….e voglio prendere spunto da loro.

Barbara Corbetta.

Attraverso queste semplici parole, Barbara spiega il fenomeno della libertà.

Il percorso che ciascuno deve fare, prevede una domanda che fa da premessa al processo:

“quanto sono e mi sento libero? Cosa vorrei fare? Qual è la vita che vorrei?”.

Inizia ad abbattere i pregiudizi, a non voler essere diverso da come sei e ad avere fiducia nella vita per poter iniziare il cammino verso la libertà dai pensieri negativi e dai disagi!

E ricorda che se qualcosa la puoi immaginare la puoi sicuramente ottenere.